lunedì 21 ottobre 2013

Labo seconda D "Spazio, storia del futuro!"


36 commenti:

  1. In onda “Spazio, storia del futuro”, il programma di RAI Educazione in collaborazione con l'ASI

    http://www.asi.it/it/news/al_via_spazio_storia_del_futuro_il_programma_rai_educazione_in_collaborazione_con_asi

    Appuntamento dal 23 ottobre all’8 novembre su RAI Scuola

    L’appuntamento è su RAI Scuola a partire da mercoledì 23 ottobre 2013. Le trasmissioni andranno in onda ogni mercoledì, giovedì e venerdì alle ore 11.00, con repliche alle 15.00, alle 19.00 e alle 23.00.

    E' possibile vedere Rai Scuola sul canale 146 del digitale terrestre, sul canale 33 di Tivùsat, sul canale 806 della piattaforma satellitare Sky e su www.raiscuola.rai.it

    Le puntate

    Puntata 1 – Mercoledì 23 ottobre 2013
    In viaggio con Parmitano

    Puntata 2 – Giovedì 24 ottobre 2013
    Vettori per lo spazio

    Puntata 3 – Venerdì 25 ottobre 2013
    Volare sulla Stazione Spaziale

    Puntata 4 – Mercoledì 30 ottobre 2013
    Quattro passi nel Sistema Solare

    Puntata 5 – Giovedì 31 ottobre 2013
    Quando lo spazio è collaborazione…

    Puntata 6 – Venerdì 1° novembre 2013
    Scopri dove sei

    Puntata 7 – Mercoledì 6 novembre 2013
    Il Sole

    Puntata 8 – Giovedì 7 novembre 2013
    Con gli occhi dei telescopi

    Puntata 9 – Venerdì 8 novembre 2013
    Occhi ed orecchie verso la Terra

    RispondiElimina
  2. Il racconto delle puntate... Ragazzi tocca a voi! Non ho potuto vedere la prima puntata... Aspetto i vostri commenti, ma dalla seconda in poi non perderò nessuna trasmissione ... Cascasse il mondo, mi tiro più in là! GIURO!

    RispondiElimina




  3. MATTIA scrive

    Nel 1998 un razzo è partito con la prima parte della Stazione Spaziale.
    Fino ad ora ci sono stati 200 astronauti tra uomini e donne. Sono state fatte 160 passeggiate spaziali. Luca Parmitano è stato il primo italiano a passeggiare nello spazio. E' proprio lui che ci parla dalla stazione spaziale, una piattaforma che è situata a 450 m di altezza fuori dell'atmosfera e che è ormai grande 400 metri cubi.

    Ogni giorno Luca si sveglia alle 6 del mattino. Dopo colazione e dopo aver comunicato con le basi a terra, cominciano gli esperimenti: nell'ultimo post sul suo blog ha raccontato lui stesso dell'esperimento che porta avanti sulla misurazione della pressione sanguigna sotto determinati stimoli. Ogni astronauta ha una sua postazione. L'esperimento dura 2 ore.

    Ogni giorno gli astronauti devono svolgere due ore di attività sportiva: un'ora e mezza di pesi nell'area Ared e poi la corsa sul tapirulan!

    Solo di sera Luca può parlare con i suoi genitori e con sua moglie. È un momento molto importante per lui perché può sentire la voce dei suoi cari e non gli interessa cosa si dicono, ma a lui basta ascoltarli!

    Con il Razzo Soyuz è cominciata la costruzione della Stazione Spaziale. Oggi questo primo razzo non lavora più.

    La cupola della stazione spaziale è stata realizzata in Italia a Torino, da qui Luca Parmitano scatta le sue meravigliose foto della Terra che condivide tramite la sua pagina facebook.

    La seconda puntata ci ha raccontato l'avventura dell'uomo nelle profondità dello spazio!
    SATURNO 5 è il razzo più potente al mondo ed ha già portato tre uomini sulla luna. Tra pochi anni l'uomo raggiungerà di nuovo la luna o un asteroide con il nuovo razzo SLS: razzo di nuova generazione, verrà verrà lanciato senza uomini nel 2017, nel 2021 4 astronauti raggiungeranno la luna e in seguito l'uomo si avvierà verso MARTE!

    Il lanciatore più potente dell'Europa è VEGA, alla cui costruzione l'Italia ha contribuito per più di due terzi. L'Italia ha investito molto su questo progetto ed è capace di realizzare oggi sistemi completi... Vega è alto 30 metri e può lanciare 1500 kg a 700 km di altezza. Appartiene comunque alla categoria dei piccoli lanciatori. Ideato e costruito negli stabilimenti di Colleferro, è stato realizzato in fibre di carbonio, è un vettore verde con minore impatto sull'ambiente. Vega viene utilizzato per missioni di osservazione della Terra.

    Anche la Cina, il Giappone, l'India, il Brasile e l'Iran hanno i loro razzi vettori e poi ci sono i privati. FALCON 9 nasce nell'arco di pochi anni e già stanno lavorando ad un modello di razzo per andare su Marte.

    Stiamo mettendo a punto razzi per raggiungere le stelle ... La ricerca si muove verso la costruzione di motori a propulsione nucleare e ad antimateria!

    La terza puntata ha visto ancora Luca tra i protagonisti.
    Ho scoperto comunque che ogni astronauta nello Spazio perde circa il 10% di calcio e il 30% di attività muscolare. In più ci sono le crisi mentali causate dall'isolamento. È un problema, perché per andare su Marte occorrono 500 giorni per andare e 500 giorni per tornare. Umberto Guidoni è un astronauta italiano che è stato nella Stazione Spaziale e ci ha raccontato di un astronauta mi pare americano che ha sofferto molto e si è isolato dai compagni, con i quali alla fine non comunicava più.

    Oggi nello Spazio c'è una sonda a lunga durata che sta cercando di intercettare particelle di Materia Oscura e di Antimateria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mattia ha scritto la sua relazione questa mattina a scuola ... Ora tocca a voi, ragazzi... Che mi dite delle prime tre puntate?

      Elimina
    2. Ci sono imprecisioni nella relazione di Mattia? A voi trovarle ... Leggetelo!

      Elimina
  4. la prima puntata che ho visto è stata molto emozionante perchè ho visto le immagini della terra dallo spazio, purtroppo era solo in televisione, ma credo che ho provato delle emozioni solo a guardarle dalla tv. Luca Parmitano, ovvero il protagonista di questo viaggio ha avuto molto coraggio, spero di riuscire anch'io ad andare un giorno nello spazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi può dire di no ... Francesca ... nell'attesa godiamoci le meravigliose fotografie che Luca scatta ogni giorno e che condivide su fb ! Appuntamento a Mercoledì, giovedì e venerdì per le altre emozionanti puntate!

      Elimina
  5. Durante questa puntata ho potuto osservare i vari componenti della navicella spaziale. Luca Parmitano si trovava nel modulo centrale russo. Ha attraversato il nodo 1, il nodo 2, il nodo tre e infine il laboratorio Columbia costruito dall'agenzia spaziale europea, mentre il nodo due e' stato costruito in Italia. Il cuore della navicella spaziale e' il laboratorio americano. Il nodo 1 e' il piu' vecchio nodo della navicella. Durante il "viaggio" si e' potuto osservare il bagno, il tapirulan e la cupola da dove si può osservare la Terra da 380 km. Il nodo 1 e' collegato con il PMN, un modulo dedicato allo stiraggio, che serve a bruciare i materiali. Molto interessanti da scoprire sono stati i computer per l'orbita, le tute degli astronauti, gli strumenti per fare esperimenti di interesse scientifico e tecnologico e anche tutto l'occorrente per gli eventuali piccoli incidenti a bordo. Luca ha dei compiti molto simili a quelli del comandante. Ogni giorno impara qualcosa di nuovo e fa qualcosa di diverso. Ha precisato che per rientrare dalle passeggiate nello spazio si impiega mezz'ora. Luca durante i piccoli incidenti, controlla la sua paura. Una scena molto divertente che ho visto e' quando Luca si stava lavando la testa e l'acqua non si spargeva per l'assenza di gravità. Durante giorno l'astronauta impiega 8 ore e mezza per lavorare e si alza alle sei del mattino. I suoi lavori si concentrano dalla manutenzione agli esperimenti scientifici, ma anche all'attività fisica, molto importante per non perdere l'allenamento. Da questa puntata ho capito che il lavoro dell'astronauta ha bisogno di impegno costante e continuo addestramento e non e' facile per un uomo comune!



    Michela 2D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava MICHELA, ci hai raccontato la prima puntata con ricchezza di particolari... aspettiamo ora le tue osservazioni sulla seconda e poi la terza puntata... certamente per fare l'astronauta sono necessarie doti non comuni, sono d'accordo con te, per questo tutta l'Italia è così fiera del suo astronauta Luca Parmitano!

      Elimina
  6. Spazio, storia del futuro. Seconda puntata.

    In questa puntata ho osservato l'impegno dell'uomo nel raggiungere i suoi obiettivi. Lo spazio si e' raggiunto grazie ai razzi, che hanno anche un 'altra funzione: lanciare i satelliti.
    Il razzo piu' potente al mondo e' Saturno 5. Le sue valvole sono grandi come barili e altrettanto i motori. Al suo interno c'e' una torre di lancio dove ci sono grandi piattaforme. Il razzo SLS, nel futuro, avrà una capacità di lanciare tonnellate di materiale. Il volo avrà il compito di verificare la potenza del razzo, al punto di lanciare uomini verso Marte. Parlando di lanciatori di satelliti ne esistono di due tipi: grandi e piccoli. Vega e' un lanciatore di 30 m e può portare un satellite di 1500 chili. E' un razzo realizzato vicino Roma e per realizzarlo si ha avuto il bisogno di fibre di carbonio. Ci sono due cose molto importanti da non sottovalutare: il posizionamento dei satelliti una volta andati nello spazio e il cambiamento climatico che può avvenire durante il volo. All'interno del Vega c'e' un centro di controllo che serve per monitorare e condurre la cronologia. Un altro razzo da menzionare e' l'Arian 5, realizzato sul finire degli anni '90, e' il piu' evoluto della famiglia Arianna ed e' il lanciatore di satelliti piu' affidabile in assoluto ed ha la missione di osservazione della Terra. Il primo lancio e' stato un successo e il secondo eccellente. Insomma e' stata una grande soddisfazione per l'Europa. Per mandare i satelliti nello spazio c'e' bisogno di una spinta di sollevamento ottenuta dalla combustione dei gas. Infatti devono essere sollevati anche i serbatoi. Altri razzi sono: soyuz e il falcon 9. Il falcon 9 e' stato costruito dallo Space X, mentre il falcon 1 ha tre stadi, e' alto 70 m e porta la capsula Dragon. L'Antares sarà in grado di portare rifornimenti alla stazione spaziale. Concludo la mia relazione parlando di motori. I motori utilizzano kerosene e ossigeno e altri idrogeno e ossigeno. Ci sono i motori a propollente liquido e solido. Ossigeno liquido e il metano liquido servono a raffreddare la camera di combustione e se vogliame raggiungere i confini del sistema solare bisogna avere motori a base nucleare.
    E' stato davvero interessante scoprire queste cose, credo che questa puntata sia stata la piu' interessante di tutte!

    Michela 2D

    RispondiElimina
  7. Spazio, storia del futuro. Terza puntata.
    Ebbene si, lo spazio e' proprio il futuro! Il razzo russo costruito nel 1998, e' stato molto importante. I primi astronauti sono arrivati nel 2010 e sono state necessarie piu' di 100 passeggiate nello spazio. E' grande 400 metri cubi, ci sono cucciette, cupole che sono state costruite a Torino e laboratori con computer. Ci fu un incidente a quei tempi: i computer si sono bloccati e si sono impiegate 24 ore per ripararli. Le attività in orbita sono scientifiche. La Terra e' solo uno degli obbiettivi degli astronauti, infatti si possono vedere evoluzioni e sfumature che i satelliti non possono cogliere. Gli astronauti nello spazio perdono il 10% di calcio e il 30% di forza muscolare. Ecco perché l'attività fisica e' molto importante. Un ruolo molto importante lo hanno gli istruttori che insegnano agli astronauti ad essere autonomi nello spazio anche se sono sempre in collegamento tra di loro dalla Terra. Ora si sta ricercando la materia oscura e l'antimateria che si puo' osservare con un rilevatore molto sofisticato che rintraccia i nuclei della materia e dell'antimateria. Funziona da 20 anni ed e' stato costruito in Italia. La stazione spaziale offre una ricerca di microgravita', e si riesce a individuare il processo della combustione e il confinamento dello spazio. L'Italia ha portato 18 apparecchi per la stazione e 45 protocolli di ricerca. Luca. e' diventato un pilota sperimentatore negli anni. Gli astronauti possono subire problemi psicologici e fisici. I rapporti interpersonali che sono molto importanti e in questo modo si ottengono risultati migliori che porteranno soddisfazioni. Questa esperienza nello spazio permette di mettere insieme culture diverse e avere dei rapporti di amicizia che possono prolungarsi negli anni. E ora possono confermare che: La stazione spaziale e' fondamentale per scoprire nuove ricerche.

    Michela 2D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi ricordo le altre tre puntate ... Aprirò un nuovo post per i commenti sulla nuova terna di trasmissioni su Rai educazione ... Si annunciano moltoooooo interessanti!

      Puntata 4 – Mercoledì 30 ottobre 2013
      Quattro passi nel Sistema Solare

      Puntata 5 – Giovedì 31 ottobre 2013
      Quando lo spazio è collaborazione…

      Puntata 6 – Venerdì 1° novembre 2013
      Scopri dove sei

      Elimina
  8. SPAZIO, STORIA DEL FUTURO

    PUNTATA 1

    In queste puntate abbiamo potuto ammirare le bellezze dello spazio.
    In particolare nella prima puntata abbiamo visitato la stazione spaziale dei nostri astronauti.
    Per prima cosa voglio dire che per diventare astronauta ci vuole la preparazione fisica e mentale: questo ce lo ha dimostrato Luca Parmitano con i suoi allenamenti quotidiani; ed ora esploriamo una navicella spaziale!!
    Sono rimasto colpito dal settore dove si fanno gli esperimenti di tipo scientifico o tecnologico. Esso era pieno di tecnologie indispensabili per il lavoro quotidiano degli astronauti. A proposito di lavoro, esso si svolge nel nodo 2 dove si impiega la maggior parte del tempo giornaliero. Il nodo 2 è stato costruito dagli italiani mentre il nodo 1 è il più vecchio di tutti. I nodi sono degli svincoli con delle strade ai loro lati. Ora ci spostiamo nel cuore della navicella spaziale che è un laboratorio americano ma il più grande di tutti è quello giapponese. Oltre ai laboratori americani, giapponesi e italiani ci sono anche altri ad esempio quelli russi. Abbiamo visto anche il bagno, la palestra e la cupola. Quest’ultima è fantastica: da essa si può ammirare la Terra e tutto il suo splendore.
    Per finire in questa puntata primaria ci siamo anche divertiti scherzando con la forza di gravità!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto, Emanuele, come si muovono gli astronauti nella base spaziale in assenza di gravità ? Volare ... Il sogno di ciascuno di noi ... Poi però non ci possiamo lavare i capelli ... perché l'acqua non scorre ... e ci divertiamo con Luca Parmitano eh ! ;-)

      Elimina

    2. 1° episodio In viaggio con Parmitano

      Il conduttore di "Spazio,storia del futuro" si collega con Luca Parmitano che ci illustra la base spaziale internazionale.

      Luca Parmitano nello spazio assiste a 16 albe e 16 tramonti al giorno.

      Una delle domande che sono state fatte all'astronauta e':"Ha avuto paura la prima volta che e' dovuto andare in missione?" Lui risponde che la paura la supera e non si arrende mai. Continua il suo discorso dicendo che quando in Italia sono le otto nello spazio sono le tre . La puntata termina con un video in Inglese che illustra la Terra di sera e di giorno.

      2° episodio Vettori per lo spazio.

      Tra qualche anno l'uomo si spingera' in orbita fino alla Luna, l'ASI seguira' questa nuova fase. Dai razzi fino ai satelliti. Il razzo e' l'unico mezzo per andare nello spazio. Il razzo piu'potente del mondo e'Saturno 5 che riesce a portare tre uomini sulla Luna. E’ alto 10 metri e brucia 700 tonnellate di combustibili in 2:30 minuti. Esso riesce a trasportare il modulo di comando. Un altro razzo e' il SLS space logeh sistem che può pesare dalle 70 a 150 tonnellate e gira attorno alla Terra. Ha il 10% o 20% di potenza in più del Saturno 5.

      Una delle future missioni sarà quella di lanciare gli uomini verso asteroidi o su Marte. Il presidente dell’ASI spiega che c’è bisogno di avere dei satelliti in orbita e di lanciarne altri, a 3600 Km da terra. Invece Emanuela D’Aversa dell’ASI ci parla dei motori dove il promotore di primo strato deve essere più grande e inserito in un unico pezzo; l’ugello controlla il lanciatore. Il presidente continua dicendo che si possono posizionare più satelliti in una sola spedizione così da averne di più in diverse orbite. L’ASI presenta competenze strutturali e aerodinamiche per far funzionare il sistema. Giuseppe Coccon ci dice che l’Italia ha un tavolo ristretto di accesso diretto realizzato in fibre di carbonio, costituito da quattro stadi, rilasciati dai satelliti, per studiare i cambiamenti climatici…

      La rampa di lancio ha una torre mobile (di integrazione) che pesa 1300 tonnellate. L’Italia non ha improvvisato nella costruzione dei razzi. Il più evoluto è l’Ariane 5 che ha impiegato dieci anni di lavoro. Il primo lancio fu un successo come anche il secondo.

      Come funziona un razzo? Il razzo ha una punta in grado di sollevarlo a 2800 Km/h. Il gas viene espulso ad altissima velocità ed aumenta rispetto al peso. L’Ariane 5 pesa 6 tonnellate e la massa è di 700 tonnellate. Il Sayuz, la costruzione del suo primo modello è avvenuta nel 1966; dal 2011 entra a far parte dell’agenzia spaziale europea (ESA). Il Falion 9 SPACE X pesa fino a 13 tonnellate, gira attorno alla Terra e può portare l’uomo su Marte. Altri razzi sono: Orbital, Antares e Cygnus. La CIRA ha l’energia per portare il carico in orbita (ossigeno liquido e metallo liquido).
      CONTINUA

      Elimina
    3. Primo e secondo episodio di CHIARA che CONTINUA

      Elimina
  9. CHIARA

    3° episodio Piattaforma spaziale

    La prima stazione spaziale orbitante intorno alla terra è stata costruita in Russia ed è durata fino al 2011.

    L'attuale stazione spaziale internazionale ha permesso agli astronauti di fare più di 160 passeggiate spaziali di 8 ore ciascuna.

    Dalla cupola gli astronauti possono vedere la Terra e le stelle . Un astronauta racconta che una volta ci fu un incidente: ci fu lo spegnimento dei computer della stazione spaziale.

    Columbus FSL si occupa dei fluidi per gli esperimenti. Sul nodo 3 si trova la cupola dove si può osservare la Terra. A Torino c’è il centro di controllo dove si possono rivedere le aurore boreali ed i fulmini. È stato perfino portato nello spazio un acquario con i pesci per sperimentare cosa succede ai pesci in assenza di gravità.

    In una giornata gli astronauti impiegano il loro tempo a sperimentare ed hanno un po’ di tempo libero prima di andare a dormire per comunicare con i loro cari !

    Hanno inviato nello spazio anche trappola dell’anti-materia con una tecnologia moderna che funzionerà per 20 anni.

    Luca Parmitano, per fare l’astronauta ha scelto l’istituto scientifico, poi diventa pilota militare e poi scienziato sperimentale in orbita.

    Invece Altec ci parla dei centri di supporto scientifici. Gli istruttori garantiscono la salvaguardia degli astronauti. In conclusione parliamo di come si vive nello spazio: ci sono problemi fisici e anche psicologici: gli astronauti si devono adattare non solo alla mancanza di gravità ma anche alla vita di gruppo in piccoli spazi e selezionano gli equipaggi anche tenendo conto della loro capacità a lavorare in gruppo.


    Chiara Columbaro 2°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Chiara... Vi ricordo le altre tre puntate ... Aprirò un nuovo post per i commenti sulla nuova terna di trasmissioni su Rai educazione ... Si annunciano moltoooooo interessanti!

      Puntata 4 – Mercoledì 30 ottobre 2013
      Quattro passi nel Sistema Solare

      Puntata 5 – Giovedì 31 ottobre 2013
      Quando lo spazio è collaborazione…

      Puntata 6 – Venerdì 1° novembre 2013
      Scopri dove sei

      Elimina
  10. La ISS compie ogni giorno 16 giri intorno alla terra!

    RispondiElimina
  11. RELAZIONE SUL PROGRAMMA DI LUCA PARMITANO

    Nel programma l'austronauta Luca Parmitano ha spiegato che la navicella spaziale é divisa in tanti nodi.
    Nel nodo 1 c'é il laboratorio americano;il nodo 2 é il luogo dove dormire e lavorare; nel nodo 3 ci sono le tute cosmonautiche per fare esperimenti nello spazio.
    La parola 'nodo' é un sinonimo di 'svincolo'.
    Nel modulo Chibo (è una parola giapponese) c'é un portellone da dove si arriva ad una terrazza da cui si fanno gli esperimenti;c'è anche uno spazio per stiraggio.
    Penso che questo programma sia molto interessante e che sia bello che Luca porti l'Italia anche nello spazio.

    RispondiElimina
  12. EDUART

    EDUART

    Spazio , storia del futuro
    Prima puntata
    Luca Parmitano si trova nello spazio.Rai scuola ci ha dato l’opportunità di vederlo sulla stazione spaziale orbitante.
    Nel cuore della stazione c'e' il laboratorio americano . il nodo 1 e' quello più vecchio dove ci sono anche i servizi igienici,il tapiroulan e la cupola da dove si osserva la Terra distante 380KM da Luca.
    Molto belle erano le tute astronautiche e la mancanza di gravità che faceva galleggiare le cose in aria.
    Luca dice anche che ha imparato molte cose da questo viaggio e che non se lo scorderà mai soprattutto la passeggiate nello spazio. Lui lavora circa 8 ore mezzo.
    Da questa puntata ho scoperto che gli astronauti hanno un duro lavoro da fare soprattutto nelle simulazioni sulla Terra e che non vanno là per divertirsi ma è un lavoro molto più impegnativo di tutti gli altri.

    SPAZIO,STORIA DEL FUTURO
    Seconda puntata
    In questa puntata osserviamo l’impegno dell’ uomo per raggiungere lo spazio.
    Ovviamente si parte con vari razzi a seconda delle missioni o degli obbiettivi.
    Il razzo attualmente più potente al mondo e SATURNO 5 e con tutta la potenza che produce le sue valvole sono grandi come barili. Ha una grande potenza e per questo in grado di bruciare tonnellate di materiale. Questo razzo servirà per i lanci verso Marte .
    Il razzo Vega e' un lanciatore di 30 m ed è piccolo. E' stato costruito vicino Roma .
    Ci sono due cose molto importanti da valutare: la posizione dei satelliti una volta andati nello spazio e il cambiamento climatico. Un altro razzo e'Arian 5, e' il più evoluto della famiglia Arianna ed e' il lanciatore di satelliti più affidabile. Infatti devono essere sollevati anche i serbatoi. Altri razzi sono: soyuz e il falcon 9. Il falcon 9 e' stato costruito dallo Space X, mentre il falcon 1 ha tre stadi ed e' alto settanta metri e porta la capsula Dragon.L'Antares sarà in grado di portare rifornimenti alla stazione spaziale.

    RispondiElimina
  13. ALESSANDRO

    Cara professoressa ecco il mio riassunto con delle piccole riflessioni.La puntata che mi é piaciuta di più é stata la 2 dove si é parlato di navicelle spaziali dalle più grandi alle più piccole e le varie caratteristiche.Poi ho visto come si progettano e i nuovi progetti della NASA che sta tentando di costruire una navicella molto grande dal diametro di 108 metri che potrebbe sopportare un peso di circa 5 tonnellate.Di altre puntate non mi hanno colpito molte cose.La scena più bella é stato quando Parmitano si stava sciacquando la testa e l'acqua si spargeva.Penso che per diventare astronauta bisogna studiare molto e molti anni di sacrifici.A me non piacerebbe fare l'astronauta per un motivo in particolare quello che devi stare lontano dalla tua famiglia per un pò ditempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandro, devi postare tu i tuoi commenti ... Intesi? Dalla prossima settimana niente più e mail... Solo commenti.
      Buon fine settimana!

      Elimina
  14. ELENA
    Prima puntata di:spazio...storia del futuro
    Nel 1998 un razzo russo portava nello spazio il primo segmento dalla stazione spaziale internazionale; la sua costruzione è durata fino al 2011. La ISS è stata voluta e gestita da diverse agenzie spazali :Americana,Europea,Russa,Giapponese e Canadese.I primi astronautivi arrivarono nel 2010 e da allora è stata abitata da oltre 200 tra uomini e donne che si sono avvicendati per periodi che nei pimi momenti duravano pochi giorni, a oggi circa sei mesi.Per collegare i moduli tra loro e per verificare la funzionalitàà delle diverse parti della stazione orbitante,sono state necessarie più di 160 passeggiate spaziali della durata di circa otto ore ciascuna: oggi la stazione spaziale pesa poco più di 400 tonnellate. Gli astronauti hanno a disposizione un volume di circa 400 metri cubi. Tutta l'energia richiesta di circa 84 chilowatt arriva dai pannelli solari che sono lunghi 73 metri. Dalla cupola gli astronauti possono guidare meglio il braccio appeso all'esterno della stazione spaziale ed ammirare la Terra.
    Parmitano si è addestrato duramente in Russia,in Germania. Luca Parmitano è stato il primo astronauta italiano a realizzare passeggiate spaziali (lunghe ore di lavoro nel vuoto).Luca Parmitano è stato l'astronauta che ha avuto anche il compito di seguire l'avvicinamento e l'attracco della navetta:Albert Aistain alla stazione orbitante. Questa è la navetta che ha rifornito la stazione spaziale di propellente,di acqua,cibo e materiali per gli esperimenti.
    Il lancio è avvenuto il cinque giugno del 2013 e dopo una decina di giorni l'ATV ha raggiunto la stazione spaziale. Questa navetta è una delle poche a cui è permesso di agganciarsi direttamente alla stazione spaziale. Altre, invece, vengono fatte attraccare grazie al braccio robotizzato. Questa puntata è stata bellissima e ho mparato molto. Ho visto come si vive in una navicella spaziale e ho conosciuto cose molto interessanti. La parte che mi è piaciuta di più è stata quando Luca si è versato dell'acqua sulla testa e questa è rimasta compatta, senza spargersi per l'assenza di gravità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha scritto Luca Parmitano su fb. " Un bellissimo spettacolo guardare ATV rientrare nell'atmosfera: Albert Einstein ha lavorato bene fino all'ultimo secondo"
      Albert Einstein ha lavorato bene fino all'ultimo secondo!Perché proprio qualche giorno fa ATV ha cessato di esistere disintegrandosi con tutto il suo carico di rifiuti!

      Elimina
  15. ELENA
    rielaborazine della seconda puntata di spazio...stora del futuro

    Oggi il razzo rimane l'unico mezzo per andare verso lo spazio.I razzi non servono solo per lanciare uomini nello spazio,sono anche usati per lanciare satellti.Il razzo più potente al mondo è stato creato per lanciare l'umanità vero la luna.
    Esso era il più grande razzo che fosse mai stato costruito fino a oggi e grazie a Vernerson Bravin aveva imbrigliato la potenza sufficiente per portar tre uomini sulla luna.
    Con proellenti pesa duemilionicentocinquantanovemila kg. Tutto questo combustibile veniva bruciato in due minuti e mezzo. Del gigantesco razzo tonava intatto solo la capsula con i tre uomini.È alta tre metri e ventitrè centimetri,e pesante cinquemilacinquecento kg.
    Dopo una serie di razzi della famiglia ARIAN sempre più potenti l'agenzia spaziale europea ha dato vita al più evoluto della famiglia:ARIAN 5.
    Per mettere in orbita un satellite è necessario fornire una spinta in grado di sollevarli da terra e di accelerarli fino a raggiungere una velocitàà di 28000 km all'ora.
    Per liberare una spinta sufficiente deve essere espulso molto gas e quindi devono essere usate tonnellate di propellente.
    Per lanciare un razzo,non tutti i luoghi della terra sono equivalenti: i luoghi sull'equatore viaggiano più velocemente di quelli ai poli per compere la rotazione allo stesso tempo; se il lancio viene effettuato all'equatore è possibile sfruttare la velocitàà di trascinamento dovuta alla rotazione della terra con una sorta di effetto fionda,risparmiando così del carburante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato, Elena, che tu non abbia potuto vedere la terza puntata... puoi comunque leggere i commenti dei tuoi compagni! cerca di non perdere le puntate di questa settimana, io ho visto la prima sui pianeti del sistema solare, quella di ieri me la racconterete voi e oggi alle 19 00 cercherò di essere presente per la terza ... per i commenti aprirò un nuovo post! buona visione ...

      Elimina
  16. MATTEO seconda D

    SPAZIO STORIE DEL FUTURO

    PUNTATA 1
    Ha mostrato il contenuto della navicella, la toilette, i computers, gli strumenti, gli esperimenti. Ha presentato il Kibo, il più grande modulo giapponese, l'acqua che resta in bolle in testa per l'assenza di gravità, l'adrenalina, la paura e otto ore e mezzo di lavoro.
    E la navicella Cignus che fornisce cibo e tute. Luca si trova benissimo con i suoi colleghi,lui viaggia con la navicella ISS, che pesa 400 tonnellate e prende energia solare dai pannelli.

    PUNTATA 2
    Abbiamo visto la costruzione e i lanci dei razzi. Decine di lanci all'anno.
    Saturno5 è il più grande razzo al mondo, pesa 700 tonnellate ed è alto 40 piani e oggi invece si sta creando il secondo più grande al mondo realizzato con fibre di carbonio a Curù. Raggiunge i 28000 km/h e viene spinto infatti con l’energia del carbonio. Ce n'è anche un altro fondato a Soiuz che è il Falco9 che è alto 70 metri ed è alimentato con motori propellenti liquidi e gassosi che nei prossimi annimdovrà portare l'uomo su Marte.

    PUNTATA 3
    Gli scienziati dicono che per andare e tornare da Marte ci si impiegano 500 giorni. Hanno mostrato la stazione orbitale fondata nel 2011. Le infrastrutture e le piattaforme dove si vede la visione della Terra dove oggi l'uomo sta realizzando diversi tipi di ricerche, 45 protocolli, e dove l'emozione e il gioco di squadra non mancano.

    RispondiElimina
  17. Cara professoressa...ecco a lei la mia relazione sulle tre prime puntate degli episodi di spazio storia nel futuro. Mi scuso per il ritardo! Ho fatto la relazione sul 2 e 3 episodio perché non ho potuto vedere il primo quindi ho fatto una breve relazione di ciò che ci ha letto in classe e poi la relazione degli episodi! Ho fatto anche un breve commento alla fine!! Le manderò fra breve la relazione degli altri episodi! ... Un' ultima cosa...potrebbe gentilmente postarmelo lei sul blog?? La ringrazio
    un abbraccio dalla sua alunna:
    Anastasia 2D

    Luca Palmitano, un famoso astronauta ci racconta ciò che fa tutti i giorni in orbita. Tutto inizia di prima mattina alle 5.55. Ci vuole molto tempo ad uscite dal sacco a pelo perchè é legato alla parete per non fluttuare durante la notte. Nella sua "camera" é tutto buio, racconta nel suo sito blog e su faceboook. Indossa dei tappi per le orecchie mentre dorme perché i rumori delle ventole che mandano ossigeno nell'astronave potrebbero dar fastidio! Legge i messaggi che Yuston invia con scritto il programma della giornata (ovviamente tramite PC) e si informa sulle persone di altre nazionalità con cui dovrà parlare e lavorare nella giornata. Nel nodo 1 le luci sono ancora spente anche se i suoi colleghi sono già in piedi da molto come Mike, un suo collega americano venuto a lavorare in Italia, che ha già iniziato gli allenamenti. Ci dà anche un' informazione che può sembrare inutile ma in realtà é sempre molto interessate per scoprire cose nuove sulla vita a bordo della ISS...parla delle toilette e dice che sono molto accessoriate proprio come quelle sulla terra. Prepara la colazione e cucina cibi salutari e leggeri ma sostanziosi perché poi tutti andranno nei loro laboratori per fare degli esperimenti con la supervisione di uno scienziato da terra. Lui, Luca Parmitano,farà esperimenti sulla circolazione sanguigna con grandi fasce sulle gambe che prima gli bloccheranno l’afflusso di sangue per pochi secondi e che poi la rilasceranno. Dopo tutto ció lui va in palestra per 2 ore. A pranzo non mangia pesante appunto perché va a fare palestra dopo. Finalmente arriva l'ora di cena e lui e i suoi colleghi possono mangiare tutto ciò che vogliono, sempre senza esagerare! parla della sua salute e il suo aspetto fisico, dice che vuole rimettersi in forma perché quando tornerà a casa vuole essere in forma!
    Per lui. e sicuramente anche per i suoi colleghi, la sera è il momento più bello e importante perché può parlare con i suoi parenti e famigliari e per ultimo, ma non per importanza, con la moglie e i suoi figli che lo stanno aspettando a casa !
    CONTINUA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 2 puntata
      Questa puntata, racconta la grande avventure dell' uomo nell' immensa profondità dello spazio! Luca parla ancora per qualche minuto. Il razzo più potente al mondo cioe' Saturno 5 , fin ora, ha portato 3 uomini sulla luna. Tra qualche anno l' uomo sbarcherà un' altra volta sulla luna ma con un razzo SLS, un razzo di nuovissima generazione che verrà lanciato senza neanche un uomo a bordo, precisamente nel 2017, e poi nel 2021 porterà 4 astronauti che raggiungeranno nuovamente la luna.
      L' uomo, in seguito, punterà ad atterrare su Marte, il pianeta rosso dove non c’è acqua!
      l' Italia è un paese che ha investito moltissimi soldi in un famoso progetto: il progetto Vega. Vega è un razzo piccolo alto precisamente 30 metri che può lanciare fino a 1500 kg a moltissimi chilometri dalla terra; appartiene, incredibilmente, alla categoria dei più piccoli lanciatori.

      È stato costruito in fibre di carbonio ed e' stato realizzato a Colleferro.
      Vega viene utilizzato solo e solamente per missioni di osservazioni del pianeta blu: la terra.
      Persino India, Cina, Iran, Brasile e Giappone hanno dei propri razzi vettori, e poi ci sono i privati che hanno costruito, per esempio, Falcon 9, costruito non molto tempo fa e stanno già lavorando ad un progetto per andare su Marte.
      Luca parla di nuovi tipi di motori come i motori a propulsione nucleare e ad antimateria.

      3 puntata
      In questa si parla della salute degli astronauti e di ciò che può accadere nello spazio, di problemi che possono sorgere… lo sapevate che in orbita un astronauta può perdere circa il 10 % di calcio e il 30 % di movimento muscolare? ma possono accadere problemi ancora più seri e gravi di questo!!!...i problemi mentali come le crisi causate dall' isolamento! Un astronauta dice che e' un grosso problema perché , per esempio, per andare su marte occorrono 500 giorni per andare e 500 giorni per tornare!! Un astronauta italiano che mi pare si chiamasse Guidoni Umberto, ha parlato di un' altro astronauta che ha sofferto di queste crisi mentali e si è praticamente isolato dai suoi compagni.
      Mi sono piaciute molto queste puntate e non vedo l' ora di vedere le altre sia perché mi fanno capire i problemi, il programma e la giornata tipica di un astronauta in orbita sia perché mi appassiona esplorare lo spazio!......alla prossima
      Da Anastasia S. 2D

      Elimina
    2. cara Anastasia... ho pubblicato le tue relazioni! Per quanto riguarda la prima puntata, che neppure io ho visto, il video che ho pubblicato "In viaggio con Parmitano" credo sia la registrazione della prima puntata... comunque Luca sul suo blog ci ha detto molto sulla sua giornata sulla stazione spaziale orbitante ... oramai siamo tutti a conoscenza della vita straordinaria degli astronauti...
      Prova comunque a postare in modo autonomo i tuoi commenti :-)

      Elimina
  18. alessia curti ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "GEO classi seconde "Train your brain with Geograp...":

    Molto interessante la prima puntata quando l'astronauta Luca Parmitano ci ha accompagnato in una visita virtuale della piattaforma spaziale .

    L'astronave è divisa in diversi moduli e in diversi nodi.

    C'è il modulo giapponese chiamato chibo dove c'è un piccolo spazio per stiraggio e un portellone che arriva a una terrazza dove si possono fare degli esperimenti nel vuoto.
    Il nodo 2 è stato costruito in Italia come il Columbus dove si lavora e si dorme.
    Il laboratorio americano è il cuore della stazione, uno dei moduli più grandi insieme al chibo dove si lavora e si fanno degli esperimenti .
    Da qui andiamo al nodo 1 che è il più vecchio di tutti, il primo a essere mandato nello spazio . Nel nodo 3 ci sono i bagni, la palestra e la cupola dove si vede il mondo .
    Uno dei primi a essere costruito è il PMM cioè il modulo leonardo.
    Il modulo 5 è il cuore del segmento russo dove c'è il materiale che verrà bruciato nell'atmosfera.
    Ci sono anche dei piccoli spazi dove ci sono le tute cosmonautiche che servono per fare esperimenti nello spazio .

    Luca Parmitano è stato il primo astronauta italiano a fare una " passeggiata " cosmica ( di solito questa" passeggiata " dura più di 8 ore) . La prima passeggiata e stata un successo, ma la seconda non è andata come tutti speravamo ... perchè dopo 30 minuti Luca iniziò a vedere delle gocce che gli scendevano dal casco . Chiamò la NASA per capire cosa stava succedendo e la NASA gli rispose che doveva tornare dentro l'astronave.
    Grazie ai duri addestramenti riuscì a rientrare nell'astronave, anche se era sommerso d'acqua ; senza paura ma con molto coraggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Alessia, ho ripubblicato qui il tuo commento, cancellandolo dall'altro post... Scusami... è preferibile avere qui i commenti sulle prime tre puntate delle trasmissioni che stiamo seguendo... Un carissimo saluto e buon fine settimana! :-)

      Elimina
  19. Spazio, Storia del futuro
    La prima puntata è stata molto interessante.
    In questa, hanno parlato del problema che è stato risolto da Luca Parmitano in modo razionale: ad un certo punto, sul casco le si presentarono delle goccioline durante una passeggiata spaziale.
    Peró devo dire che la puntata che mi é piaciuta di più é stata la seconda.
    In questa puntata hanno parlato dei vettori.
    Vega é un razzo tutto italiano la cui base di lancio si trova in America. Non é molto grande, ma piuttosto agile e piccolo.
    Arian 5 é un razzo molto grande.
    Space Shattle oggi si trova nei musei in quanto é stato fondamentale per le prime spedizioni.
    Quest anno si festeggia la cooperazione fra Italia e Stati Uniti sul campo astronautico.
    Inoltre anche Jappone e Cina hanno dato vita rispettivamente a Langa Marcia e H2A.
    L' azienda spaziale Space X ha avuto successo fin dal 2002 quando presentò Falcon 1 che dimostrò subito una certa affidabilità.
    Negli ultimi tempi la Space x ha presentato Falcon 9, che ha portato la capsula Dragon nello spazio e Falcon 8 che andrà su Marte.
    La Orbitas, invece, ha presentato Antarius. Ricordiamo che é stata proprio la Orbitas a presentare Cignus, il cui attracco alla stazione spaziale é stato raccontato nella prima puntata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maria, sono convinta che al secondo gruppo di puntate saprai dare maggiori contributi ... Lo so, non è semplice seguire trasmissioni televisive di pomeriggio, visto che siamo tutti oberati da mille impegni, ma sono convinta che questo studio da noi intrapreso potrà arricchirci e farci amare di più ... la geografia dell'universo e la ricerca scientifica! ;-)

      Elimina