domenica 21 aprile 2013

Le classi prime del TP alla Sala di Musica di Palazzo Corvo, Ortona


Anche quest’anno l’Istituto Nazionale Tostiano ha dedicato il mese di aprile alla celebrazione della ricorrenza della nascita di F.P. Tosti, nato appunto ad Ortona il 9 aprile 1846. 


Nella mattinata di lunedì 22 aprile nella Sala di Musica di Pal. Corvo, le classi prime del tempo prolungato hanno assistito alla proiezione del film “Torna, Caro Ideal!...” (1939) di G. Brignone.


 Nella drammatizzazione cinematografica, Tosti è il beniamino della corte e del pubblico di Londra, dove incontra una nobile signorina polacca a cui impartisce lezioni di canto e di cui si innamora. Per una serie di vicissitudini fuggono in Italia, dove Tosti ritrova le vecchie amicizie e, dopo un breve soggiorno a Napoli e a Roma, si reca con il pittore Michetti nel “rifugio” del Conventino di Francavilla. Intanto la contessina, che appariva già malata, si aggrava sempre più e, nella certezza della propria sorte, per non intralciare l’attività artistica di Tosti si allontana di notte dal “rifugio” e fa ritorno alla casa paterna. Il musicista, lontano da lei, compone e le dedica la sua famosa romanza intitolata “Torna, caro ideal!” (cioè “Ideale”). La fanciulla muore ripensando ai felici giorni trascorsi in Italia. Insomma, seppure con evidenti differenze dalla reale biografia tostiana, la vita del compositore è raccontata con i toni sommessi e delicati delle sue musiche sentimentali e malinconiche, a testimonianza del gusto nostalgico di un’epoca irrimediabilmente perduta.
 
note sulla proiezione dal sito del Museo Musicale d'Abruzzo
 

Ingresso libero e gratuito








Torneremo presto per una visita al Museo...

nei commenti leggete le nostre prime riflessioni
le classi prime d &  f

 

 



















22 commenti:

  1. Questo film racconta della vita romanzata di Paolo Tosti... Si gira nel 1939 principalmente in Abruzzo, dove il musicista nacque nel 1846.

    In questo film Paolo Tosti ebbe 2 amori e quello prevalente è quello con Maria ma questa si ammalò di tubercolosi e allora Paolo smise di suonare e cantare.
    Mi ha interessato perché racconta di Francesco Paolo Tosti!


    DANIEL

    RispondiElimina
  2. GIANLUCA
    Io ho fatto una breve ricerca sulla vita di Tosti.

    Quinto dei cinque figli sopravvissuti di Giuseppe, commerciante ortonese, studiò col maestro Saverio Mercadante presso il Conservatorio di San Pietro a Majella a Napoli, dove si diplomò in violino e composizione nel 1866.

    Iniziò a lavorare organizzando spettacoli e dirigendo opere per gli impiegati della ferrovia adriatica, seguendo i lavori tra Ortona e Ancona; si trasferì poi a Roma dove, sfruttando la sua voce tenorile, iniziò ad esibirsi come cantante: grazie a questa attività divenne una celebrità e iniziò a frequentare gli ambienti mondani della capitale, venendo assunto come maestro di canto di Margherita di Savoia, la futura regina d'Italia.

    Qui strinse amicizia con altri due grandi abruzzesi Gabriele D'Annunzio, uno dei massimi poeti italiani del tempo, e Francesco Paolo Michetti, noto pittore.

    Alla fine del 1870 si trasferì a Londra dove, grazie al Lord Mayor e all'appoggio del celebre violoncellista Gaetano Braga, suo corregionale, nel 1880 entrò alla corte della regina Vittoria come maestro di canto: mantenne la sua posizione anche sotto il suo successore, Edoardo VII, che nel 1908 gli conferì il titolo di baronetto: intanto, pur riluttante, aveva accettato anche la cittadinanza britannica (1906).

    Per tutto il suo periodo inglese continuò ad aver rapporti con l'Italia, dove trascorreva regolarmente alcuni periodi.

    Alla morte di Edoardo VII (1910) decise di rientrare definitivamente in Italia e di stabilirsi a Roma, dove morì presso l'Hotel Excelsior nel 1916.

    Tra le sue oltre cinquecento romanze per canto e pianoforte, i cui testi vennero scritti anche da poeti come Antonio Fogazzaro, Rocco Pagliara, Naborre Campanini e Gabriele d'Annunzio, e sono stati interpretati dalle voci di Enrico Caruso, Giuseppe Di Stefano, Alfredo Kraus, Jussi Bjorling, Luciano Pavarotti, Mina e José Carreras, si ricordano brani tutt'ora molto eseguiti, quali: L'alba separa dalla luce l'ombra, Malìa, Vorrei morir...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla ricerca di Gianluca ha contribuito anche FLAVIO

      Elimina
  3. Buona sera prof,le volevo inviare la mia relazione sull'uscita didattica che abbiamo fatto quest'oggi.

    Oggi alle ore 10:30 siamo andati al Palazzo Corvo per vedere il film sulla vita romanzatadi Francesco Paolo Tosti.

    Lì ci aspettava un signore che, prima della visione del film, ci ha spiegato che Tosti nacque nel 1846 a Ortona. Iniziò la sua vita mondana dopo gli studi, insegnando canto a personalità molto nobili come baronesse e contessine.

    In seguito si trasferì a Londra dove insegnò canto alla corte della regina Vittoria. Gli fu conferito nel 1908 il titolo di baronetto, partecipò a molti concerti importanti davanti a duchi e ministri conseguendo un notevole successo anche in Inghilterra.

    Tornò in Italia nel 1910 rincontrando alcuni suoi vecchi amici tra cui il Michetti,Barbella e altri artistifamosi dell'epoca.

    Nel film che abbiamo visto si narra che TRosti nella sua vita ebbe molti amori che gli ispirarono le sue famose romanze tra cui una contessa romana e una contessina slava di cui si era perdutamente innamorato.

    Purtroppo,quest'ultima, nel 1911 si ammalò di tubercolosi.Con la morte della contessina Francesco ebbe un'ispirazione e compose la sua sonata "IDEALE".

    Francesco morì nel 1916 all'età di 70 anni.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commento sopra è di LORENZO Cimadamore

      Elimina
  4. Salve prof,
    le scrivo la recensione sul film che siamo andati avedere oggi all'Istituto Tostiano

    GIUSEPPE 1F

    FRANCESCO PAOLO TOSTI

    Oggi le classi 1aF e 1aD sono andate presso l’Istituto Tostiano a vedere un film su Francesco Paolo Tosti. Questo film è intitolato “Torna, Caro Ideal” ed è stato girato nel 1939 da G. Brignone.

    Tosti insegnava canto a Londra e un giorno una nobile signorina polacca gli chiese di prendere lezioni da lui. Tra i due nacque un amore e, per una disavventura della signorina, dovettero trasferirsi in Italia a Napoli. Appena arrivati, andarono in un ristorante tipico e qui la signorina si sentì male. Partirono per Roma e qui, la signorina Maria venne fatta visitare da un medico che le vietò per un periodo di tempo di cantare. Francesco a Roma incontrò alcuni dei suoi vecchi e cari amici tra cui il pittore Francesco Paolo Michetti e fu invitato con la sua compagna in un convento a Francavilla, in Abruzzo.

    Molto belle le scene che ritraggono il pittore Michetti al lavoro nel convento mentre Tosti, angosciato per la salute di Maria non riesce più a comporre musica.

    Durante una passeggiata, la Signorina Maria fu invitata ad un ballo durante un matrimonio di contadini ma mentre ballava, si sentì male perché malata di TBC.

    Rientrò in casa e consapevole della sua sorte fuggì di notte e tornò nella casa paterna dove, dopo alcuni giorni,morì.

    Alla giovane amante Tosti dedicò una delle sue romanze più belle "Torna, caro Ideal"

    Questa la trama ma molto interessanti nel film sono gli interni girati nella casa londinese, i costumi dell'epoca, gli esterni a Napoli e soprattutto in Abruzzo.

    Riconoscibile il convento di Francavilla oggi chiamato Convento Michetti, la processione della Madonna dei Miracoli, una tradizione ancora oggi viva in Abruzzo e il famoso dipinto " il voto" del Michetti.

    Veramente una bellissima esperienza! Il film mi è piaciuto anche tanto soprattutto perché racconta e parla di Francesco Paolo Tosti, orgoglio musicale delle genti d'Abruzzo!.


    RispondiElimina
  5. Francesco Paolo Tosti è nato nel 1846 a Ortona ed è stato un grandissimo musicista .
    Giovinetto, andò a studiare a Napoli e diventò addirittura un professore. Nel 1875 va a londra e a Roma muore nel 1916 all' eta di 70 anni , mentre sua moglie vivrà fino a 91 anni: era una dama francese.

    Oggi siamo siamo andati al Museo Nazionale Tostiano e
    abbiamo visto un film sulla vita romanzata di Tosti.

    Inizia con l'inquadratura dell'attore protagonista che accompagna al pianoforte il canto di una signora: la canzone è bellissima e i due protagonisti stanno facendo le prove per un loro concerto!

    Il concerto si svolge in un salotto dove tutti applaudono.

    La seconda protagonista femminile è una giovane donna intenzionata ad apprendere le tecniche del canto, per questo chiede al maestro di darle lezioni di canto.

    I due però si innamorarono e lasciano Londra per Napoli, poi per Roma e infine vanno a vivere in un convento a Francavilla con un gruppo di amici di Paolo.

    Maria aveva una malattia incurabile e Paolo soffriva tanto che non era più lo stesso, era completamente desolato... Maria si allontanò da lui per tornare nella casa del padre dove morì.
    Alla chiusura degli occhi della donna il film finisce con la romanza bellissima che il musicista aveva composto per lei " Torna, caro Ideal ..."

    Una bella storia, bellissime musiche ... una esperienza certamente insolita per noi!

    MATTEO Ortolano

    RispondiElimina
  6. Francesco Paolo Tosti, nato il 9 aprile 1846 ad Ortona e morto il 2 dicembre 1916, era un grande compositore di musica.

    Molto tempo fa è stato fatto un film dedicato alla sua vita, il film è in bianco e nero.

    F.P. Tosti e la sua fidanzata si erano appena trasferiti a Londra,dove suonavano e cantavano insieme le canzoni composte da lui.
    Ma un giorno il grande compositore incontrò la contessina Maria (anche lei una bravissima cantante, allieva di Francesco) e si innamorarono l'uno dell'altra.

    Dopo essersi fidanzati partirono per Napoli e poi per Roma dove si fermarono per qualche giorno.

    Arrivarono a Francavilla dove vennero ospitati nel convento “ MICHETTI”; Maria però era malata, lei se ne accorse solo quando sputò del sangue e allora si allontanò dal suo amato musicista per tornare nella casa del padre dove morì.

    Francesco Paolo Tosti che non era più riuscito a comporre musiche perché soffriva troppo, quando lei si allontana compone la bellissima romanza “ Torna, caro ideal…” e poi continua a comporre e a comporre.

    Il film è la storia romanzata della vita di Tosti,in realtà egli sposò una donna francese con la quale rimase fino alla morte, avvenuta all’età di 70 anni mentre sua moglie visse per tanti anni ancora. In realtà la moglie ha raccontato che Tosti si è ispirato per le sue romanze a tante donne che ha incontato nella sua vita.

    Era sicuramente un uomo dalla geniale personalità in grado di far innamorare chiunque o almeno tutti erano di sicuro innamorati della sua musica!


    GRETA E GIORGIA 1F

    RispondiElimina
  7. Francesco Paolo Tosti nacque il 9 aprile a Ortona. Studiò a Napoli presso il Conservatorio di San Pietro a Majella dove si diplomò in violino e composizione nel 1866. Trasferitosi a Roma iniziò a ad esibirsi come cantante diventando poi il maestro di canto di Margherita di Savoia, che poi diventerà regina d'Italia.
    Tra i suoi amici c'erano Gabriele D'Annunzio, Francesco Paolo Michetti, il noto pittore.

    Nel 1870 si trasferì a Londra dove entrò a far parte della corte della regina Vittoria come maestro di canto e nel 1908 gli conferì il titolo di baronetto. Nel 1910 tornò in Italia, a Roma dove morì nel 1916.

    Il film che abbiamo visto era intitolato “Torna caro ideal” proprio in onore di una composizione di Francesco Paolo Tosti. Francesco Paolo Tosti (interpretato da Claudio Gora) dà lezioni di canto ad una nobile ragazza polacca Maria Vernowska di cui si innamora. Dopo che si trasferirono a Roma, Maria scopre che ha una terribile malattia e che è vicina alla morte, allora per non intralciare la carriera dell'artista torna nella casa paterna dove muore.

    Grazie a questo film, girato in parte a Francavilla ho riconosciuto il dialetto parlato dai miei nonni,dialetto ortonese ma con molte somiglianze con quello parlato dai contadini abruzzesi nel film e ho potuto vedere e capire i balli e le tradizioni di quell'epoca.

    ALBERTA CUFARI










    RispondiElimina
  8. Il film che abbiamo visto è davvero molto interessante.
    Parla di una ragazza, Maria, che va a lezione di canto da Francesco Paolo Tosti e si innamora di lui ricambiata.

    Benchè Tosti non piacesse alla sua amica Stefania, Maria non sente ragioni e alla fine i due innamorati
    vanno in Italia e passano delle belle giornate insieme a Napoli.

    All'improvviso però Maria si sente male; allora da Napoli si trasferiscono a Roma. Il medico le dice di riposare ma Maria non ascolta e va ad una festa.
    A quella festa però Tosti e Maria trovano anche Dionisia, la fidanzata che Tosti aveva abbandonato, e questa si dimostra molto comprensiva e senza alcun rancore verso di loro, anzi con loro si divertono tanto.
    Dopo un po' di tempo però Maria, che con Tosti si trova a Francavilla, si accorge che la sua malattia, la Tubercolosi, è molto forte; così decide di tornare nella casa paterna e lascia una lettera d'addio a Tosti.

    Ma prima di morire dice a Dionisia di occuparsi di lui.
    Secondo me questo film è molto carino e la fine è davvero commovente.


    RECENSIONE DI FEDERICA 1D

    RispondiElimina
  9. Ieri, il 22 aprile 2013, siamo andati a vedere a Palazzo Corvo un film sul compositore ortonese Francesco Paolo Tosti.

    Francesco Paolo Tosti è nato a Ortona il 9 aprile 1846 e morto a Roma il 2 dicembre 1916.

    È stato un autore di celebri romanze da camera o da salotto.
    Egli studiò a Napoli (al Conservatorio di San Pietro a Majella) e, nel 1866, si diplomò in composizione e violino.
    Verso la fine del 1870 si spostò a Londra dove, grazie all’appoggio del violoncellista Gaetano Braga, riuscì a suonare davanti ad alte personalità inglesi.

    Il film accenna alle vicende più importanti della vita di Tosti, come per esempio il suo successo con la Regina d’Inghilterra.

    Naturalmente la storia è stata romanzata.
    Non mi è piaciuta tantissimo ma la prima parte, quella dei salotti mondani londinesi, mi è sembrata più interessante della seconda, dove invece la scena è più centrata sull'amore tra Tosti e Maria (una contessina slava) piuttosto che sul suo successo come compositore e musicista.
    Se avessero rifatto il film a colori mi sarebbe piaciuto di più, perché comunque, essendo un film datato, in alcuni punti non si vedeva bene.
    Infine, sono contenta che un abruzzese sia arrivato a suonare addirittura al cospetto della Regina D'Inghilterra Vittoria.

    FIORENZA




    RispondiElimina
  10. Questa mattina (22 Aprile) al posto di un'ora di grammatica e dell'ora di inglese siamo andati a vedere un film ispirato alla storia di Francesco Paolo Tosti, un un grande compositore italiano.

    Prima di vedere il film un signore ci ha spiegato la sua storia:
    "Francesco Paolo Tosti è nato ad Ortona nel 1846.
    Nel 1866 si è diplomato a Napoli in violino e composizione, poi ha puntato i suoi interessi sul canto e si è trasferito prima a Roma, dove ha conosciuto Francesco Paolo Michetti e Gabriele D' Annunzio che scrisse i testi di alcune sue romanze. Poi si trasferì a Londra dove fu preso come maestro di canto alla corte della regina Vittoria grazie anche all' appoggio di un suo corregionale.
    Ed è proprio a Londra che esplode la sua fama sia con le sue romanze, sia con l' organizzazione di concerti.
    Infine tornò a Roma dove morì nel 1916."

    Questo film però parla di tutt'altro, infatti la vicenda si svolge a Londra, a Roma e a Francavilla e parla di due amori di Francesco: uno per la cantante Dionisia e uno per la contessina Maria.
    Questo film è stato girato nel 1939 quando in Italia non c'era ancora la televisione (introdotta nel 1955) ed era in bianco e nero come i film di Stanlio e Ollio.

    Il film inizia con F.P.Tosti che si trova a Londra nella sua stanza per preparare la cantante Dionisa, di cui era innamorato, per un concerto che si sarebbe dovuto tenere dopo qualche giorno.
    Poi arriva la contessina Maria che era stata mandata da suo padre per ricevere lezioni di canto. Dalla prima lezione con Maria Francesco si innamora subito di lei e tra loro nasce una storia.
    Successivamente la contessina, che era di origine polacca, viene espulsa dall'Inghilterra e Tosti le chiede se vuole seguirlo in Italia.
    Maria però si ammala gravemente di tubercolosi e quando si rende conto di non avere più speranze , per non essere di peso al suo amato fugge.
    Prima si reca dalla cantante Dionisa per chiederle di rimanere vicino a lui e poi si rifugia dal padre dove di lì a poco morirà.

    Per lei Tosti compose la famosa romanza "Torna, caro ideal!" che da il titolo al film.

    Questo film mi è piaciuto abbastanza anche se il finale era piuttosto triste. E' stato interessante conoscere qualche particolare sulla vita di un personaggio così importante per Ortona, soprattutto grazie alle spiegazioni che ci ha dato quel signore prima del film.
    Matteo 1F

    RispondiElimina
  11. MICHELA 1d

    Il 22 aprile 2013 siamo andati al Palazzo Corvo per vedere il film sulla vita romanzata di Francesco Paolo Tosti. Prima di vedere il film, un signore ci ha introdotto nel tema e ci ha detto che: Francesco Paolo Tosti nacque a Ortona il 9/04/1846, morì il 2/12/1916. Nel 1875 andò a Londra dove insegnò canto alla corte della Regina Vittoria. E' stato un autore di romanze celeberrime: Malìa,Serenata,Marechiare,Ideale.

    Il film parla della vita romanzata di Francesco Paolo Tosti,quando già era famosissimo maestro di canto e compositore di musiche. Nel film ci sono chiari riferimenti alla sua reale attività di maestro di canto a Londra alla corte della Regina Vittoria. Un giorno la contessina Maria va da lui per essere sua alunna di canto. Lui se ne innamorò e i due andarono a Napoli. Appena arrivati andarono in un ristorante tipico e Maria si sentì male, così Tosti andò a Roma per farla visitare da un medico. Ad una festa Tosti incontrò Michetti che invitò lui e la contessina al convento di Francavilla. Lì Tosti incominciò a trascurare la musica perché era preoccupato per la salute di Maria che era molto malata. Infatti lei morì di tubercolosi.

    Il film è stato molto bello e mi hanno interessato particolarmente i vestiti di quell'epoca.

    RispondiElimina
  12. Cara professoressa,come sempre, mi fa molto piacere scrivere sul nostro blog didattico!

    Anche se sono stata assente quel giorno in cui siete andati
    all'istituto tostiano a vedere il film,io ho fatto un "breve" lavoro su Francesco Paolo Tosti! Spero che le piaccia! Per farle capire di cosa ho parlato,all'inizio ho costruito l'indice,come se fosse un libro
    Cordiali saluti dalla sua alunna della 1^D: Anastasia

    INDICE
    La nascita
    Vita da Bambino
    Carriera
    Morte

    Nascita
    Francesco Paolo Tosti,nacque a Ortona il 9 aprile del 1846.Fu l'ultimo di cinque figli del “famoso” commerciante di cereali Giuseppe e della moglie Caterina Schiani

    Vita da Bambino
    Tra il 1852-1858,Francesco Paolo Tosti frequenta la scuola dei fratelli Paolini ad Ortona e da Gaetano,buon suonatore di violino,apprende le prime nozioni di musica classica.
    Nel 1856,su suggerimento di Gaetano Paolini,Giuseppe Tosti presenta una domanda al grande Regno Governo Borbonico perché Francesco Paolo Tosti venga ammesso all' “esperimento preventivo” presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli e che abbia una borsa di studio.

    Nel 1858 il giovanissimo Francesco Paolo Tosti,nell'autunno ,inizia a frequentare il conservatorio di Napoli nella classe di violino del maestro Pinto,ma oltre che studiare questo strumento studia anche l'armonia delle musiche e come comporle.

    Carriera
    Tra il 1866-1870,Francesco Paolo Tosti, si stanca di Ortona perché non offre nessuna occasione per suonare e fare concerti, se non qualche serata notturna.

    Un giorno,in città, vennero un gruppo di ingegneri e operai per la costruzione della:“Ferrovia Adriatica” e allora Tosti allestisce e dirige una piccola stagione di Opera.
    Nel 1868,Francesco Paolo suona con i fratelli Braga a Giulianova per la Principessa di Castiglione. Questo concerto diede una grande fama a Francesco Paolo Tosti.

    Nel 1869 Francesco si reca ad Ancona per seguire il cantiere che sta costruendo la ferrovia,qui resterà alcuni mesi, vivendo di guadagni ricavati da lezioni di musica e canto che stava facendo.

    Tra il 1875-1880,Tosti giunse alla grandiosa città di Londra e dopo varie esperienze musicali,fa il suo ingresso a Buckingam Palace, dove divenne maestro di canto della Regina Vittoria e dei suoi figli. Di queste lezioni di canto con Francesco Paolo Tosti,la Regina parla anche nel diario segreto che aveva.

    Tosti diventò così importante per la famiglia reale che, addirittura,la Regina Vittoria fece fare un ritratto della sua famiglia insieme a Francesco Paolo

    Nel 1906, Francesco Paolo Tosti ebbe la cittadinanza inglese dal nuovo re D'Inghilterra Edoardo.
    Questo scatena delle polemiche in Italia e soprattutto ad Ortona,il suo paese natale. Poco tempo dopo,Tosti divenne così importante in Inghilterra che fu nominato
    Baronetto da Edoardo VII.

    Pochi anni dopo Tosti tornò ad Ortona con la moglie.

    Morte
    Francesco Paolo Tosti,muore a Roma il 2 dicembre per problemi di cuore.

    Lui non fu mai dimenticato dai cittadini ortonesi e proprio qui ad Ortona c'è il Museo Nazionale a lui dedicato: è stato un grandissimo compositore che ha lasciato al mondo intero i suoi insegnamenti musicali e le sue splendide musiche.

    Fatto da: Anastasia 1^D :-)



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anastasia,
      non possiamo inserire immagini nei commenti, per questo la foto di Tosti che hai accluso alla tua ricerca la trovi sul post! Bel lavoro ... leggi anche l'intervento dei tuoi compagni, ognuno di voi ha evidenziato almeno un aspetto particolare e unico!

      che dirvi? BRAVI ... of course!

      Elimina
  13. torna caro ideal!
    Il film mi è piaciuto molto perchè la vita di Francesco Paolo Tosti è molto interessante. Gli elementi che mi sono piaciuti di più sono state le melodie composte da Francesco Paolo Tosti.

    Questo film è prevalentemente inventato ma tratta di un personaggio vero e forse anche le due protagoniste femminili sono esistite o si riferiscono a donne della vita di Francesco Paolo Tosti. Riassumendolo parla di un musicista fidanzato (Francesco Paolo Tosti) che si innamora di una donna slava (Maria); Maria purtroppo si ammala e Paolo gli ordina di riposare. Maria non dà ascolto a Paolo e, infatti, si sente male. Intanto Paolo non riesce a comporre più niente perchè pensa solo a Maria e per questo lei, in un estremo atto d'amore, si allontana, tornando nella casa del padre. Quando Tosti viene a sapere che lei sta in fin di vita riesce a comporre una bellissima melodia: Ideale.

    L’unico elemento che non mi è piaciuto molto è stato il finale perché me lo aspettavo più allegro!
    Saluti da Emanuele 1D.

    RispondiElimina
  14. MATTIA S. 1d

    Il film è stato girato nel 1939. Racconta dalla vita di Francesco Paolo Tosti, grande musicista ortonese (1846-1916), partendo dalla sua carriera a Londra, dove insegnava alla corte della regina Vittoria. Nel film Paolo Tosti è innamorato di Dionisia, la sua interprete. Poi conosce la contessina Maria, patriota esiliata dall'Italia. Maria si dimostra subito talentuosa e i due s'innamorano subito. Nel frattempo Maria, per ordine del padre, organizza insieme ad altri patrioti un sommossa. C'è, però, una spia che rivela tutto a sua maestà. Così Maria viene allontanata anche dai territori di Londra.

    Paolo Tosti decide così di tornare di nascosto insieme alla sua amata in Italia. Si trasferiscono prima a Napoli e poi a Roma. Maria, però, si ammala di tubercolosi. Paolo Tosti, angosciato per la sua amata, non compone più. I suoi amici Francesco Paolo Michetti, famoso pittore abruzzese, e Barbella fanno tutto il possibile per far tornare Paolo Tosti di buon umore.

    Maria, capendo che stava rovinando la carriera del suo amato, fugge e torna da suo padre. Qui muore di tubercolosi. Paolo Tosti, in ricordo della sua fidanzata, compone l'opera Ideale.

    Questo film è commovente perché racconta una storia d'amore che purtroppo finisce tragicamente. È bello, però, perché ci fa conoscere la vita e le tradizioni dei nostri nonni, come il Saltarello, ballo tipico dei contadini.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. ALESSIA

    Quinto e ultimo figlio di Giuseppe, commerciante ortonese,studiò col maestro Saverio Mercadante presso il Conservatorio di San Pietro a Majella a Napoli dove si diplomo` in violino e composizione nel 1866.

    Si trasferì a Roma dove, sfruttando la sua voce tenorile, iniziò ad esibirsi come cantante :grazie a essa diventò famoso e venne assunto come maestro di canto di Margherita Di Savoia che poi diventò regina d'Italia. Qui fece amicizia con Gabriele D'Annunzio, uno dei massimi poeti italiani di quel tempo, e Francesco Paolo Michetti, pittore.

    Nel 1880 si trasferì a Londra dove entrò alla corte della regina Vittoria come maestro di canto.

    Era nato ad Ortona il 9 aprile 1846 e morì a Roma il 2 dicembre 1916.

    'Tosti aveva compreso che al tempo di Verdi, Puccini, Leoncavallo, Mascagni non sarebbe stato intelligente dedicarsi al melodramma per ingrossare le fila dei tanti “minori”. Si applicò invece totalmente al genere discreto ed allora attualissimo della "romanza da salotto" nel quale dimostrò le sue qualità di musicista tanto da elevare la sua produzione ai massimi livelli, in termini di qualità e quantità.' ( ricerca effettuata sul sito del Museo Tostiano di Ortona)

    La romanza è un genere musicale che non conoscevo e che ho sentito per la prima volta durante la proiezione del film e mi è sembrata una musica dolce e intensa: molto bella l'interpretazione di una delle protagoniste al finale del film.





    RispondiElimina




    RispondiElimina
  17. Chiara

    Questo film è stato prodotto nel 1939 dalla S.A.F.A.
    ...
    Francesco Paolo Tosti è l'Autore di romanze celeberrime: Malìa, Serenata, Marechiare, Ideale, Seconda Mattinata… , i cui testi furono scritti dai poeti più importanti del tempo: Antonio Fogazzaro, Gabriele d’Annunzio…

    Nella storia romanzata Tosti ha due amori, prima con Dionisia e poi con Maria. Con l’ultima si trasferisce a Napoli dove si sente male e per trovare un dottore si recano a Roma e quindi vanno a Francavilla a vivere in un Convento a Francavilla.
    Maria, quando viveva al convento, tutti i giorni faceva una passeggiata e un giorno partecipò a una festa contadina di matrimonio; qui iniziò a ballare ma si sentì male e capì di essere gravemente ammalata
    Un altro giorno passeggiava con Francesco quando vide una processione di fedeli che andava verso la Chiesa della Madonna dei miracoli. Maria volle seguire il gruppo di cittadini che vi partecipavano per lodare la Madonna e chiederle la grazia di guarire. Ma una notte si allontanò di nascosto dal convento, e sapendo di essere in fin di vita, tornò da Dionisia a chiederle di andare lei da Paolo per essergli vicino in questo momento di dolore. Maria tornò quindi al suo paese, ad Amburgo, dove qualche giorno dopo morì.

    Questo film è molto bello. Anche se è in bianco e nero è comunque ancora più bello perché ti fa ritornare ai vecchi tempi, proprio negli anni ‘800 e ‘900.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La FESTA della MADONNA DEI MIRACOLI si svolge a Casalbordino (CH) il 10 - 12 giugno di ogni anno; è una manifestazione tra le più popolari e sentite della Provincia di Chieti.

      Gabriele D'Annunzio ne "Il Trionfo della Morte" descrisse il grande fervore religioso del pellegrinaggio al santuario; Francesco Paolo Michetti ne ha tratto ispirazione per la sua tela "il voto".

      La festa ricorda l'apparizione della Vergine avvenuta l' 11 giugno del 1576 con una lunga ed emozionante processione, che avanza accompagnata dalla banda... processione che si ripete sempre allo stesso modo ogni anno.

      Elimina
  18. Il 22 aprile 2013 le classi 1d e 1f sono andate nel palazzo Corvo di Ortona a vedere un film girato nel 1939 da Guido Brignone: Torna caro ideal. Il film mi è piaciuto molto perché mi fa ripensare all’aria, ai costumi e agli interni delle case di quel tempo. Infatti se facessi vedere questo film ai miei nonni o bisnonni li farei ritornare bambini.
    Lorenzo Rotondi
    --------------------
    Egli fu autore di romanze celeberrime : Malìa, Serenata, Marechiare. Fu amico di Gabriele D' Annunzio, Francesco Paolo Michetti e Michele Cascella.

    Maria
    -----------------------
    Il film intitolato " Ritorna , caro ideal" racconta , come se fosse un romanzo , la storia del musicista Tosti. La sua donna, Maria, definisce Francavilla "meravigiosa" per le sue tradizioni popolari. Questo film ha un finale molto commovente, ma la sua importanza va ben oltre la trama perchè è la testimonianza di un epoca con i suoi costumi, le sue tradizioni,le personalità più in vista nella cultura e la sua musica, la romanza da salotto, di cui Francesco Paolo Tosti fu il più grande compositore.
    Era nato ad Ortona e la cittadinanza gli ha dedicato un importante museo e ogni anno ad aprile torna a celebrare la sua nascita.

    Giorgia
    --------------------

    RispondiElimina